<< Back
Satyrian: Eternitas
Lion Music / Frontiers (2006) www.lionmusic.com
I gruppi con vocalist femminile si stanno molteplicando a vista d’occhio e la paura di trovarsi a fronteggiare un nuovo combo alla Lacuna Coil con mire di classifica e successo planetario era reale e palpabile al momento del primo ascolto. Per fortuna i Satyrian si discostano nettamente da questo leit motif pescando invece dal filone symphonic, spruzzando qua e là i pezzi di gothic ma lasciando indeformata un’anima metallica di tutto rispetto.

La voce dell’eterea Kemi Vita, è suggestiva ed evocatrice, nettamente più simile a Dolores O’Riordan che ad altre eroine del hard and heavy contemporaneo, inoltre l’apporto di una seconda voce femminile nella persona di Jan Yrlund (ex Lacrimosa), molto più suadente e versatile conferisce a pezzi come ‘Feel The Rush’ quella introspezione ed assieme “matematica passione” che sarebbe altrimenti venuta meno.

Ovviamente è presente in quantità massiccia l’elettronica con drum machine, synth e suoni di tastiere grondanti di accordi pieni che solo raramente lasciano spazio a riff tipicamente rock (‘My Legacy’) spaziando, senza grossi preconcetti e falsi timori, dal folk (con la grandissima ‘The Bridge Of Death’) al growl (grazie all’apporto di Roman Schoensee) per finire con il prog.

La sezione ritmica, volutamente misurata e contenuta nelle esplosioni ritmiche, funge da bastone della vecchiaia per gli accordi di un pianoforte atavico e emozionante in parecchi pezzi e ne citeremo ‘Sacred Lies’ per tutti: meltin pop di Nightwish, Marillion e Clannad.

Pescate senza timori dalla dozzina di brani di questo ‘Eternitas’, è una musica incontaminata e tremendamente originale nei contenuti, negli arrangiamenti scevri da orpelli e, infine, nella produzione calda e smaccatamente spostata sull’elemento voce. I Satyrian ci hanno intrigato e lo hanno fatto a modo loro, senza scimmiottare nessuno intraprendendo un filone fatto di sintesi e tradizione riletta con occhi ben aperti verso il futuro.

Alessio Minoia voto 7

www.metallus.it


  Back to top